Beauty

Pancia piatta con la FODMAP Diet

11 agosto 2015

Pancia piatta

 

La prova costume mette in difficoltà tantissime donne, la maggior parte però lamenta un fastidioso gonfiore di pancia, nulla a che fare con i chili di troppo o con i tanto odiati rotolini. Risolvere il problema non è difficile e non mancano nuove diete per ottenere una pancia piatta. Un esempio è la FODMAP Diet (Termine coniato da un gruppo di ricercatori Australiani, è l’acronimo di Fermentable Oligo-di and Mono-saccharides, And Polyols), che prevede l’esclusione di tutti i cibi contenenti carboidrati a catena corta, che possono intensificare alcuni  disturbi legati all’apparato digerente come la sindrome del colon irritabile.

I carboidrati che nella FODMAP Diet sono completamente esclusi, vengono fermentati dai batteri intestinali, provocando i disturbi tipici della sindrome del colon irritabile, come crampi e gas. Anche i Disaccaridi, Monosaccaridi, Oligosaccaridi, Polialcoli e Polioli sono totalmente eliminati dall’alimentazione, anche se ogni persona ha un limite di tolleranza molto diverso, di conseguenza non si può generalizzare sul giusto quantitativo da assumere.

Ovviamente il sovra dosaggio di uno di questi ingredienti può creare conseguenze a carico del sistema digerente e la pancia piatta resterà sempre solo un desiderio. Anche il fruttosio assunto in eccesso, può dare problemi di assorbimento.

Per aiutare coloro che desiderano eliminare gli ingredienti che causano i gonfiori di pancia, sono state ideate delle tabelle in cui sono inseriti tutti i cibi che vanno esclusi dalla propria dieta e quelli che invece può essere assunto senza fastidiose conseguenze. Come accade però per tutte le diete, l’alimentazione non è l’unica cosa che aiuta ad ottenere un fisico snello e sano infatti, c’è sempre bisogno di una corretta attività fisica.

Sicuramente tutto il corpo va tenuto in allenamento, ma per una pancia piatta servono anche esercizi mirati. Inoltre, non bisogna mai dimenticarsi di bere tanta acqua nel corso della giornata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *